Perchè G7 e non più G8: il motivo della sospensione della Russia

Sicuramente avrete sentito parlare almeno una volta del G8, o meglio, Gruppo degli Otto, il quale, negli ultimi anni, è diventato G7. Andiamo a scoprire cosa sono il G8 ed il G7 e perchè si parla di G7 e non più G8.

Il Gruppo degli Otto

Il Gruppo degli Otto, chiamato anche G8, è un forum politico di otto governi: Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada, e Russia. La riunione tra le otto potenze mondiali avviene ogni anno tra maggio e luglio e solitamente sono coinvolti tutti e gli otto paesi. Negli ultimi quattro anni (compreso il 2017), però, il G8 è diventato G7 a causa della sospensione della Russia.

Perchè G7 e non più G8

In realtà, il G7 è nato nel 1975 ed è coesistito con il G8 dopo la formazione di quest’ultimo. Negli ultimi anni, però, ha preso il suo posto a causa della sospensione della Russia: nel 2014 si è discusso circa la sua esclusione (temporanea o definitiva) e nello stesso anno è stata dichiarata sospesa. I motivo sarebbe l’annessione illegale della Crimea al territorio russo. Di seguito il comunicato delle ragioni dell’esclusione:

“Il diritto internazionale proibisce l’acquisizione di una parte o di un intero territorio attraverso la coercizione o la forza. Tali comportamenti violano i principi base che costituiscono il sistema internazionale. Condanniamo il referendum illegale tenuto in Crimea, in violazione della Costituzione dell’Ucraina. Condanniamo inoltre con forza il tentativo illegale, da parte russa, di annettere la Crimea in violazione del diritto internazionale consuetudinario e pattizio. Non riconosciamo né l’uno né l’altro.”

Le edizioni dal 2014 al 2017 si sarebbero tenute nel formato G7 e, dunque, senza il coinvolgimento della Russia. Il Gruppo dei Sette è formato dalle più grandi potenze economiche mondiali e secondo il Credit Suisse Global Wealth Report 2013 rappresenta più del 63% della ricchezza mondiale.

 

Fonte: Il Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *