Perché non funziona il mouse del portatile

mouse del portatile o touchpad
Touchpad, chiamato impropriamente “mouse del portatile”

Cominciamo col dire che non è corretto definire mouse del portatile quella parte, o meglio, dispositivo dei notebook costituito da una superficie sensibile al tatto. Il termine più adatto a tale dispositivo è touchpad, che in italiano vuol dire tappetino tattile, o trackpad se il computer è un Mac.

Il touchpad è presente in tutti i computer portatili e la sua funzione è analoga a quella del mouse, ovvero spostare il cursore sullo schermo e poter cliccare nei campi di nostro interesse.

Il suo vantaggio è rappresentato dal fatto di essere incorporato nei notebook e naturalmente ciò rende più agevole il trasporto dei pc. Molti, però, per lavorare preferiscono usare il tipico mouse in quanto, per certi versi, risulta essere più comodo.

Potrebbe interessarti anche: “Perché la gente ama le tastiere meccaniche

TouchPad: come funziona

Il mouse del portatile funziona grazie ai sensori posti al di sotto della superficie (chiamata tappetino tattile), i quali percepiscono il movimento del dito (o delle dita) sfruttando il fenomeno della capacità elettrica.

Per spiegarci meglio, sotto la superficie del touchpad sono inserite due griglie separate tra loro da un dielettrico, ovvero un isolante elettrico. Lo spostamento del cursore viene rilevato perché, poggiando il dito sul touchpad. si genera una lieve carica elettrica. Questo è anche il motivo per cui, se poggiamo e spostiamo sul tappetino una matita o una penna, non avviene lo spostamento del cursore in quanto gli oggetti come le matite non sono conduttori.

Perché non funziona il mouse del portatile

Probabilmente hai acquistato un pc portatile da poco e riscontri problemi con il touchpad? Non preoccuparti, potrebbe essere un problema di poco conto. Ecco le operazioni che ti consigliamo di fare:

  1. In primis occorre verificare di non aver bloccato involontariamente il touchpad. Per fare ciò, premere contemporaneamente i tasti Fn+F7, anche se molti portatili hanno un tasto dedicato. Ora controlla che esso abbia ripreso a funzionare normalmente. In caso contrario, continua a leggere.
  2. Controllare se i relativi driver siano installati correttamente o magari compromessi a causa di azioni svolte sul pc. Per installare da zero o aggiornare i driver, basta andare sul portale web della casa costruttrice, selezionare il modello del notebook e eseguire il download del driver. Ora, installalo come un qualsiasi programma.
  3. Se l’anomalia del touchpad si è manifestata a seguito di un aggiornamento del sistema operativo Windows, è consigliato eseguire un ripristino delle impostazioni di sistema. Questa procedura riporta il sistema indietro nel tempo e probabilmente a prima che si manifestasse il problema tecnico.
  4. Se ancora non hai risolto, esegui la più banale procedura ma che in molte occasioni si rileva la più funzionale, pulisci il touchpad! Attenzione, la pulizia deve essere eseguita con un panno leggermente bagnato di alcool ma non imbevuto. E sopratutto, non eseguire la pulizia con un panno bagnato di trielina!

Dopo aver eseguito questi passaggi, se il problema persiste ancora probabilmente è di tipo hardware e necessita di un controllo da parte di un centro assistenza.

Se il pc portatile è ancora in garanzia e non si manifestano particolari problemi, il controllo e l’eventuale sostituzione del trackpad sono gratuiti. Solitamente, nei centri di assistenza tecnica il componente hardware difettoso viene sostituito con uno nuovo.

Nel caso in cui il pc non sia in garanzia, ci sarà ovviamente una spesa per la riparazione. Se vuoi evitare questa spesa puoi, però, colmare la mancanza del touchpad con un mouse USB o wireless.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *