Perchè Francesco Totti ha lasciato la Roma

Tutti voi conoscerete Francesco Totti, grandi e piccoli, maschi e femmine. Perchè Totti, prima di essere un calciatore, è stato un esempio per gli sportivi e non.

Chi è Francesco Totti?

Francesco Totti è stato uno dei più grandi calciatori della storia del calcio italiano. Ha iniziato la sua carriera con il ruolo di trequartista e di seconda punta, ma negli ultimi 10 anni ha giocato prevalentemente come prima punta. È caratterizzato da un’ottima visione del gioco, un buon controllo di palla ed un tiro preciso e potente con entrambi i piedi.

Fin da giovanissimo ha sempre militato nella Roma, squadra di cui è capitano dal 1998. Proprio per questo è considerato uno dei più grandi giocatori del calcio italiano: dal 1989 al 2017 Totti ha giocato solo ed esclusivamente nella Roma (nella quale è nato), come simbolo di affezione alla maglia e alla sua terra. Proprio per questo egli è stato sempre amato dai tifosi romani e non solo: nel calcio odierno (e, possiamo dire, anche nella società odierna), dove il Dio Denaro viene anteposto a tutto, sono sempre meno i casi di passione e affezione alla maglia.

Purtroppo, come abbiamo anticipato poco fa, il 28 maggio Totti ha lasciato la Roma e, molto probabilmente, il calcio.

Perchè Totti ha lasciato la Roma?

Totti è nato il 27 settembre 1976, il che vuol dire che il prossimo 27 settembre (2017) compirà 41 anni. Come ben sapete, giocare fino all’età di 40 anni per un calciatore è veramente tanto. Un limite d’età massimo per i calciatori non esiste: solitamente il ritiro avviene (ad eccezione per i portieri) verso i 37-38 anni. Questo perchè l’attività da calciatore richiede uno sforzo fisico ed un allenamento non indifferente.

Quindi, il motivo dell’addio alla Roma è sicuramente questo. Diciamo “alla Roma” e non “al calcio” perchè Totti non ha ancora dichiarato di abbandonare definitivamente il calcio (anzi, ci sono anche delle indiscrezioni che dicono il contrario): solitamente, quando non si è più in grado di soddisfare la propria squadra, ci si trasferisce in una squadra estera che richiede un minore impegno e sforzo fisico (come ha fatto, ad esempio, Christian Vieri).

Dunque, cosa ne pensate di Francesco Totti, il mitico Er Pupone?

 

Fonte: Gazzetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *