Perchè si fa il Ramadan

perchè si fa il ramadanSicuramente avrete sentito parlare del Ramadan. Ma sapete cosa è e perchè si fa il Ramadan?

Il Ramadan è il nono mese del calendario islamico e corrisponde solitamente al periodo che va dal 26 maggio al 24 giugno (dura 29 o 30 giorni a seconda dell’osservazione della prima falce lunare). Ma andiamo a scoprire in cosa consiste e perchè si fa il Ramadan.

Perchè si fa il Ramadan?

Secondo la tradizione musulmana, in questo periodo furono rivelati a Maometto i primi versi del Corano, precisamente nella notte di Laylat al-Qadr, la quale corrisponde ad uno dei giorni dispari negli ultimi dieci giorni del mese. Si pensa che in questa notte Allah esaudisca ogni desiderio e purifichi gli esseri umani dai loro peccati, ma non sapendo con certezza di quale notte si tratti, i musulmani passano le notti dispari degli ultimi dieci giorni pregando. Durante tutto il mese è tradizione praticare il digiuno durante l’arco temporale che va dall’alba al tramonto.

Perchè in questo mese si fa il digiuno?

Il digiuno sarebbe un modo per purificarsi e disciplinarsi. Il digiuno non deve essere inteso solo come un’astinenza dal cibo, ma come un controllo dei propri istinti e desideri. Infatti, durante il Ramadan non solo non si può mangiare, ma non si pùò neanche bere, fumare, fare sesso, mentire o fare guerra (quest’ultima intesa come qualsiasi cosa che non faccia bene al prossimo). Secondo la religione musulmana, è obbligatorio per tutti i fedeli che possono praticarlo (sono esclusi bambini, anziani, malati, donne incinte, etc.).

Alla fine del Ramadan seguono i festeggiamenti. Solitamente, durante la giornata di festa, i fedeli indossano i loro vestiti migliori, banchettano, si scambiano regali e si recano nelle moschee. Molti fanno anche beneficenza verso i fedeli più poveri.

Il Ramadan fa parte dei cinque doveri della fede islamica, che ricordiamo sono:

  • digiuno (sawn);
  • fede (kalima);
  • le cinque preghiere (salat);
  • l’elemosina (zakat);
  • il pellegrinaggio (hagg) alla Mecca (almeno una volta nella vita).

 

Fonte: Tpi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *