Perché la Madonna di Loreto è nera

Se sei religioso, sicuramente avrai sentito parlare almeno una volta della Madonna di Loreto e della sua particolarità, ovvero il colore scuro della pelle. Andiamo a scoprire perché la Madonna di Loreto è nera.

Le Madonne Nere sono dipinti o sculture, appartenenti all’iconografia cristiana, della Vergine Maria unita, a volte, col Bambino Gesù. La Madonna di Loreto non è l’unica madonna nera italiana, ce ne sono diverse in Italia e nelle altre nazioni. Le più note sono, oltre quella di Loreto: la Madonna di Tindari, la Madonna di Viggiano, quella di Montserrat in Catalogna, la Vergine di Tenerife, ecc.

Il perché della loro carnagione scura non è sempre lo stesso per le diverse madonne. Le principali cause della colorazione nera di una madonna sono:

  • fumo (in seguito ad un incendio o di candele) o per un’alterazione dei pigmenti della pittura;
  • nazionalità non europea (come molte madonne africane);
  • scelta stilistica per rappresentare diversamente le figure sacre.

Vediamo perché la Madonna di Loreto è nera.

Perché la Madonna di Loreto è nera

La Madonna di Loreto è nera per diverse motivazioni. Inizialmente veniva venerata un’icona della Vergine dipinta su tavola, che, secondo alcune fonti, aveva un volto bello e un po’ nero, accompagnato dal rosso. La colorazione scura stava a simboleggiare il mondo soprannaturale.

La statua originaria, invece, risale al ‘300 e molto probabilmente venne scurita maggiormente dai fumi delle lampade ad olio nel corso dei secoli. Alla fine del 1700 venne derubata dalle truppe napoleoniche; nel frattempo, fu costruita un’altra statua in legno di pioppo, uguale all’originale, e conservata nella Santa Casa, l’unica del periodo napoleonico ad essere conservata nella Santa Casa dopo l’incendio del 1921. Dopo l’incendio che ridusse in cenere la statua, fu ordinato dal Papa Pio XI di scolpire una nuova statua. Quest’ultima venne realizzata in legno di cedro e della stessa tinta della precedente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *