Perché andare in vacanza a San Teodoro

Con un mare trasparente e spiagge da sogno, San Teodoro è tra le mete italiane più richieste dai turisti. La cittadina gallurese è facilmente raggiungibile dal porto e dall’aeroporto di Olbia e le sue coste famose per le spiagge bianche alternate a grotte e insenature, si protendono verso fondali limpidi: qui, si celano tesori nascosti, perfetti per chi ama interessarsi allo snorkeling o ad operosità subacquee. Spostandosi nell’entroterra, le spiagge bianche lasciano corso al stupefacente Parco del Gennargentu, un succedersi di rilievi montuosi, corsi d’acqua e rigogliose vegetazioni.

Perché andare in vacanza a San Teodoro

1. Appartamenti vicini al mare

Per chi è in cerca di relax o di avventure, San Teodoro offre un’ampia selezione di appartamenti, adatti ad ogni esigenza. Ad esempio, a pochi metri dal mare sorge il Centro Residenziale Le Canne di Arcos Vacanze. Composto da una serie limitata di appartamenti, situato in posizione strategica, permette di godere delle innumerevoli attrattive. Gli appartamenti distano circa 500 metri dalla favolosa spiaggia de La Cinta mentre il centro cittadino è raggiungibile a piedi con una piacevole passeggiata.

2. Attività sportive

Per gli amanti del mare, sono disponibili escursioni in barca nell’area marina protetta, attività di immersione subacquea e spettacolari gite a cavallo nella adiacente laguna; acque azzurre e trasparenti e spiagge finissime, sono ciò che caratterizzano spiagge come Cala Brandinchi, Lu Impostu e Punta Est di Capo Coda Cavallo. Sulla spiaggia de La Cinta troverete una zona dedicata al kite surf mentre dal porticciolo di Puntaldia partono le imbarcazioni per gli amanti della pesca d’altura.

3. Cultura e storia

La zona accontenta anche i più appassionati di storia: sono previste, infatti escursioni all‘Isola di Caprera, dimora di Giuseppe Garibaldi, e ai suggestivi siti archeologici dei Nuraghirinomate costruzioni sarde di epoca preistorica. A San Teodoro è presente il Museo del Mare composto da due sezioni: una di archeologia subacquea con reperti archeologici di epoca punica, romana e medievale e una ricca collezione di conchiglie sia del mediterraneo che dei mari esotici.

4. Vita mondana

Il centro cittadino di San Teodoro si sviluppa attorno alla chiesa e a una serie di case ottocentesche è per lo più composto da abitazioni costruite con il classico stile gallurese, è affollata da ristoranti, pizzerie e negozi di souvenir per tutti i gusti e le tasche. La sera la movida teodorina per i giovani inizia con i locali che offrono musica e divertimento e si conclude nelle rinomate discoteche del comprensorio. Inoltre, vista la vicinanza sarà possibile visitare i negozi di souvenir, boutique e locali di lusso, di Porto Cervo, fulcro della vita mondana della Costa Smeralda.

5. Escursioni e gite in barca

Scendendo, lungo la costa orientale, si giunge al bellissimo Golfo di Orosei. Le bellissime spiagge del luogo e le acque limpide sono l’ideale per escursioni in barca; sarà possibile visitare le Grotte del Bue Marino, un tempo habitat della foca monaca, e prendere il sole nelle favolose spiagge della costa di Baunei. Degna di nota è Cala Mariolu, che prende il  nome è dalla foca monaca, apostrofata dai pescatori “mariolu” (ladra) in quanto prelevava il pescato dalle reti. La caletta è caratterizzata dalla presenza di sassolini bianchi e rosa e da acque cristalline che rendono il paesaggio veramente paradisiaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *