Perché il Web è chiamato WWW

perché il Web è chiamato WWWLa maggior parte della popolazione mondiale utilizza quotidianamente il Web, inteso come il servizio primario della rete internet. Probabilmente avrete sentito anche usare il termine WWW per definire il Web, ma perché il Web è chiamato WWW?

Perché il Web è chiamato WWW

Web è l’abbreviazione di World Wide Web, che significa letteralmente “rete di grandezza mondiale”. Grazie ad esso è possibile navigare e raggiungere un numero veramente molto vasto di contenuti amatoriali e professionali. Questi contenuti, che possono essere di carattere multimediale e non, sono collegati tra loro attraverso dei link (legami, dai quali deriva l’appellativo) e possono essere accessibili da chiunque o da una parte selezionata degli utenti di internet (magari tramite registrazione o altro di similare). La sigla comune di “World Wide Web” è www, ed è ciò che spesso anticipa il cosiddetto dominio di un sito.

Ad esempio in www.sitiwebpesaro.it (che è ciò che noi digitiamo sulla tastiera del PC per raggiungere quel sito), la parte che segue il www., quindi “sitiwebpesaro.it” è il dominio.

Cosa offre il Web

Oltre alla pubblicazione di centinaia di milioni di contenuti multimediali differenti, il Web permette di offrire anche servizi particolari implementabili dagli stessi utenti attraverso la realizzazione di piattaforme create ad hoc. I servizi opzionabili sono veramente innumerevoli.

Sono esclusivamente limitati dalla velocità della linea delle telecomunicazioni con cui l’utente riesce a raggiungere chi fornisce il servizio e dalla potenza di calcolo che ha il loro computer.

Ecco alcuni dei servizi più utilizzati del Web, che nel corso degli anni sono diventati di demanio pubblico:

  • download: la distribuzione di software (ad esempio lo scaricamento di un programma, un film, una canzone, ecc.);
  • web mail: la gestione attraverso il Web della casella di posta elettronica;
  • web chat: la comunicazione testuale (o anche multimediale, negli ultimi anni) in real time tra più utenti di internet, tramite l’utilizzo di app di instant messaging (ad esempio Whatsapp, Skype, Telegram, ecc.);
  • streaming: la distribuzione di contenuti audio/video in real time (la piattaforma di streaming più nota al mondo è sicuramente YouTube);
  • web radio: la radio ascoltata tramite il Web;
  • web TV: la televisione in streaming tramite il Web.

Ora ti è chiaro perché il Web è chiamato WWW?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *