Perché l’olio di pesce aiuta ad abbassare la pressione sanguigna

olio di pesce abbassa la pressione sanguignaMangiare pesce o assumere integratori di olio di pesce è un’ottima abitudine per la nostra salute. La maggior parte dei benefici che l’olio di pesce offre proviene dalla sua generosa offerta di acidi grassi omega-3, altrimenti noti come “buoni” grassi. Questi grassi buoni possono ridurre l’infiammazione, che può causare problemi come l’ipertensione.

A cosa servono l’olio di pesce e gli omega-3

Uno dei benefici più noti dell’olio di pesce è che può aiutare il tuo cuore favorendo la riduzione della pressione sanguigna. Puoi assumerlo prendendo integratori di olio di pesce o mangiando pesce. Salmone, triglia, tonno, sgombro, aringa e trota offrono una generosa quantità di acidi grassi omega-3. Questi acidi grassi sono quelli che danno all’olio di pesce la capacità di aiutare ad abbassare la pressione sanguigna. MedlinePlus spiega che 1 grammo di omega-3 è in circa 28 gr. di pesce.

Questi grassi sono essenziali per la tua sopravvivenza e sono considerati grassi “buoni”. Il tuo corpo, tuttavia, non può crearli da solo; è qui che entra in gioco la tua dieta, mangiando cibi ricchi di omega-3 come noci e pesce o prendendo integratori. Non è del tutto chiaro in che modo gli omega-3 abbassano la pressione alta del sangue, probabilmente grazie alla loro capacità anticoagulante e antinfiammatoria. Anche l’American Heart Association ha affermato che essi possono abbassare leggermente la pressione sanguigna.

Cosa contengono gli omega-3

Gli omega-3 contengono sia acido eicosapentaenoico, o EPA, sia acido docosaesaenoico, o DHA. Entrambi sono importanti, ma l’EPA è particolarmente salutare per la pressione del sangue perché aiuta il corpo a creare eicosanoidi, ormoni che non solo riducono il sangue ma combattono anche l’infiammazione. La dott.ssa Miller spiega che il sangue più sottile può aiutare a togliere pressione al cuore e a rendere il flusso sanguigno più efficiente. Gli eicosanoidi aiutano anche a trattenere la popolazione di proteine ​​chiamate citochine, che inducono l’infiammazione. Questo è significativo, poiché l’infiammazione è legata all’ipertensione.

Studi sull’olio di pesce

Nel 2002, il “Journal of Hypertension” analizzò 90 diversi studi dell’olio di pesce sulla pressione sanguigna, dal 1966 al 2001. La maggior parte degli esperimenti includeva partecipanti che assumevano alte dosi di olio di pesce, con una quantità media di 3,7 grammi al giorno. È stato dimostrato che esso riduce sia la pressione sistolica che la pressione diastolica. La conclusione è stata che quantità elevate di olio di pesce possono aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *