Perché creare un fotolibro

fotolibroLa fotografia negli ultimi anni è cambiata tantissimo, grazie alla sempre più ampia diffusione di smartphone in grado di catturare immagini di qualità e, molto prima, a causa del passaggio dalla fotografia analogica a quella digitale.

Il risultato lo conosciamo tutti: chiunque oggi possiede centinaia, se non migliaia di foto, che conserva sul cloud o sul disco fisso del proprio computer. Ma come si fa a reintrodurre la componente sociale della fotografia?

Certo, anche le foto digitali possono essere mostrate agli amici, ma è necessario avere a disposizione un supporto, come ad esempio il monitor di un computer.

Oggi, però, è ancora possibile creare degli album fotografici fisici: si chiamano fotolibri e hanno una qualità immensamente superiore agli album che si potevano produrre in passato.

Cos’è un fotolibro

Un fotolibro è in pratica un volume di fotografie che contiene immagini di nostra personale proprietà. Si può produrre un fotolibro per ricordare le ultime vacanze estive, o una gita particolarmente ben riuscita; oppure ci sono fotolibri dedicati ai propri figli, a una recita scolastica, a un evento importante, come il matrimonio ad esempio.

La personalizzazione è massima, visto che può scegliere tutto, a partire dalla copertina o dal tipo di carta da utilizzare per le stampe.

Il risultato finale è garantito dalla stampa di qualità professionale, su supporti ottimi, cose che consentono di produrre un foto libro che manterrà la sua bellezza nel tempo.

Perché creare un fotolibro

Come abbiamo appreso precedentemente, un fotolibro non è altro che il classico album fotografico.

I vantaggi, dunque, degli album fotografici stampati e della carta sono molteplici: non c’è il rischio che le foto vengano eliminate, è possibile sfogliarle da soli o in compagnia ed avere una sensazione più piacevole rispetto a vedere un album digitale ed, inoltre, è possibile appenderle nella propria stanza o dove si vuole.

Sei convinto ora nel perché creare un fotolibro?

POTREBBE INTERESSARTI  Perché stampare le foto

Come creare un fotolibro

Chi non ha grande dimestichezza con il fotoritocco o con i programmi di stampa non si deve preoccupare, esistono appositi siti che ci guidano passo passo nella creazione del fotolibro migliore possibile. Sono disponibili anche guide o videotutorial, come il seguente:

attraverso i quali è possibile apprendere tutto ciò che serve per cominciare la scelta delle fotografie da inserire nel volume, per renderle più belle e migliorarne la qualità, per impaginare il libro e rifinirlo in tutte le sue parti.

Quale fotolibro scegliere

I siti che consentono di creare un fotolibro ci propongono diverse dimensioni e formati. Questo perché in genere il motivo per cui si dà vita a questo oggetto porta con sé una serie di esigenze.

Chi vuole produrre un piccolo volume dedicato al battesimo di un figlio può desiderare di creare un libro delle dimensioni di un piccolo quaderno; chi invece sta preparando un fotolibro dedicato alle vacanze in Argentina desidera avere spazio anche per le immagini panoramiche che ha catturato durante esperienze indimenticabili. Fortunatamente i formati disponibili sono moltissimi, si possono scegliere le dimensioni finali del libro, ma anche il numero delle pagine.

Le possibilità di personalizzazione sono poi varie: la copertina può essere in tinta unita oppure illustrata con una fotografia; le pagine possono contenere immagini fuse tra loro; si può inserire uno sfondo, che consenta alle fotografie di risaltare al massimo.

In genere prima di dare il via alla stampa è consigliabile ricontrollare più volte quanto si è prodotto, in modo da non avere ripensamenti. Volendo è anche possibile salvare il progetto, per poi farlo stampare più volte, utilizzandolo poi come regalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *